TackPay - Le mance rubate non sono una nostra invenzione: chiedetelo a DoorDash
Le mance rubate non sono una nostra invenzione: chiedetelo a DoorDash

Le mance rubate non sono una nostra invenzione: chiedetelo a DoorDash

Da una causa per mance rubate, DoorDash finisce per pagare 2,5 milioni di dollari e cambia la propria politica di remunerazione dei riders

Le mance rubate non sono una nostra invenzione: chiedetelo a DoorDash

Da una causa per mance rubate, DoorDash finisce per pagare 2,5 milioni di dollari e cambia la propria politica di remunerazione dei riders

La società DoorDash, una società di delivery della Bay Area, ha accettato di pagare 2,5 milioni di dollari per risolvere una causa governativa che la accusa di aver rubato le mance ai riders e di aver ingannato i clienti facendo loro credere che i soldi delle mance andassero ai Dashers.

Il procuratore generale di Washington D.C. Karl Racine ha intentato una causa civile l’anno scorso e in un comunicato stampa ha accusato la società di San Francisco di “abbassare i costi del lavoro rubando le mance lasciate ai lavoratori”.

Racine ha sostenuto che “DoorDash ha portato i consumatori a credere che le mance sarebbero andate direttamente ai lavoratori che consegnano i prodotti alimentari, mentre in realtà trattava questi soldi come un profitto extra per l’azienda”.

La causa presso la Corte Superiore del Distretto di Columbia ha sostenuto che DoorDash avrebbe ridotto lo stipendio degli autisti dell’ammontare di ogni mancia. Ad esempio, se un cliente non lasciava alcuna mancia per un lavoro che doveva pagare 10 dollari all’autista — chiamato “Dasher” dall’azienda — DoorDash avrebbe pagato l’autista 10 dollari, ma se un cliente lasciava una mancia di 9 dollari, DoorDash ne avrebbe pagato 1, la causa ha sostenuto. “L’unica cosa che la mancia del cliente cambiava era la parte di stipendio pagata da DoorDash”, recitava la causa.

La società di San Francisco ha negato le accuse. In una dichiarazione via e-mail, la società ha dichiarato di essere lieta di aver risolto il problema. “Il nostro obiettivo è quello di continuare a sostenere i Dashers, i ristoranti e i clienti a Washington e in tutto il paese”, ha detto DoorDash. L’azienda ha aggiunto che le accuse riguardavano il suo precedente modello a pagamento, che ha abbandonato nel settembre 2019, sostituendolo con un nuovo modello che dà ai conducenti il 100% delle mance.

DoorDash ha speso 48 milioni di dollari nella campagna di successo da 200 milioni di dollari delle società di “gig economy”, tra cui Uber, Lyft, Instacart e Postmates, per far passare la Proposizione 22 quest’anno e ribaltare la legge statale che impone che i loro autisti siano trattati come dipendenti, aventi quindi diritto al salario minimo e ai benefici.

Secondo l’accordo di Washington D.C., DoorDash deve pagare 1,5 milioni di dollari ai riders di Washington, donare 250.000 dollari a due enti di beneficenza di D.C. e pagare al governo di D.C. 750.000 dollari.

Crea il tuo QR Code in pochi secondi su 👉 TackPay

By TackPay on .

Canonical link

Exported from Medium on August 13, 2021.